E’ morto Renato Filippelli

Dai fatti alle parole è una delle ultime pubblicazioni di Renato Filippelli, uno scrittore totale, che ha dedicato la vita alla parola scritta, non solo scrivendola, ma curandola, raccontandola, promuovendola, insegnandola… Sempre. È stato fra i primi poeti che ho conosciuto, poiché frequentava mio padre quando ero ancora un bambino. E ho sempre seguito le sue vicende letterarie, fin quando ho adottato il suo ultimo imponente lavoro scolastico, la Letteratura in sette tomi pubblicata da Simone.
Lo ricorderò per l’ampia capacità di affabulazione lirica, la maestria di un letterato che fa della poesia un cammino – il suo cammino naturale nell’uso della lingua (che peraltro ha insegnato per decenni: è stato un professore-poeta che sa bene come si scrive, come conviene dire quel che ditta dentro e va comunicato perché altri si possa sedere al banchetto della parola capace e consapevole di potersene servire.
Dai fatti alle parole è un titolo emblema, un manifesto di poetica: per uno che ha esordito e ha continuato sempre con la stessa attenzione alle cose e alla natura, all’uomo… che si è affidato anche al soprannaturale ma ha sempre fatto professione di fede nei valori dell’umanità figlia della terra, della famiglia e dei suoi affetti più veri. E alla parola ha dato il giusto valore di veicolo dei sentimenti e la ha custodita pertanto pura malgrado il rischio – da studioso e frequentatore delle più diverse forme espressive – di cadere nel cerebrale, nel gratuito sperimentale.
Infine, le parole “Di un tardivo cultore del silenzio” si rivolgono a Dio: “Tu che sai quasi adempiuta la mia storia, svezzami dalle parole, futile mia gloria; dammi il silenzio che precede e segue la vita, e veste di mistero lene gli approdi all’ultima deriva”.
Voglio augurare al poeta Renato Filippelli – che muore a due giorni di distanza da Edoardo Sanguineti (uno di quelli che più non poteva sopportare) – voglio augurare al vecchio compagno di viaggio un “dopo” nella memoria più viva dei tanti lettori che ha meritato e meriterà ancora di trovare.

Annunci

2 Risposte to “E’ morto Renato Filippelli”

  1. sandra cervone Says:

    Lei ti contesterà

    Mandami in sogno

    mia madre e non sappia

    che è morta,sicchè mi racconti

    la vita , i giorni

    dimenticati, il dolore

    della sua faccia smarrita.

    Sii buono con lei , il giorno

    che girerai il mio nudo

    cuore nelle Tue mani,

    e sarai giudice crudo.

    Lei ti contesterà con aspra

    voce di popolana.

    Così faceva, amorosa

    e cieca a difendermi

    per strada, nell’infanzia lontana.(R.Filippelli)

  2. giannino romano Says:

    sono addolorato per la scomparsa del professore,lo conosciuto negli ultimi giorni della sua vita terrena, quando era in ospedale a formia,quel poco tempo trascorso con lui mi ha arricchito culturalmente e umanamente.un caro abbraccio alla signora mimma GIANNINO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: