Amir Or a Tetova

Due poesie del poeta israeliano AMIR OR, conosciuto a Tetova in Macedonia al Festival “Ditet e Naimit” – nella mia traduzione dall’inglese (siamo insieme in una foto scattata da Julia Janku).

EL AMOR BRUJO

Come dirlo? Troppo vicino a un orso
tu sei carico di frutta nel cuore
tu sei il nome che una bocca muta
porta come il mare nel palmo della terra.
Io tocco e invidio la mano che tocca,
toccando, ho voglia di toccare.

Terrore di questo immobile momento,
tu sei qui dentro qui dentro qui.
Qui il fuoco dell’anima brucia brucia.
Non consumato il cuore.

Urla fra le mie gambe
l’animale all’animale fra le tue.

Urla fra i miei denti la luna
alla luna nel tuo cuore.

L’animale nel mio cuore ti fiuta sempre.

CAMERA OBSCURA

Oscurità – non si distingue fra le cose
non ti si riconosce tranne
per la tua voce che vaga tra gli echi
l’odore aspro della tua paura – il tuo desiderio
di strappare all’oscurità la tua immagine
di strappare un’ombra per te fuori dalle ombre.

L’oscurità è un grembo senza pareti –
c’è solo me stesso dentro me stesso.

Nella chiusa oscura stanza un bimbo apprende
ad ascoltare toccare essere
impulso e pelle.

con amir

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: