Archive for agosto 2008

Il poeta preso all’amo…

agosto 29, 2008

Non ci hanno presi all’amo…

Dispiace sentirsi fraintesi e questa non è nemmeno una giustificazione, ma qualcuno che legge certi notiziari in rete potrebbe lecitamente domandarsi se c’è almeno un po’ di verità nelle informazioni che gli vengono date.

Con piacere abbiamo presentato il libro di un autore locale. Tra i suoi fini la stanza del poeta ha proprio quello di promuovere autori e libri, tanto più se sono del Golfo, in cui operiamo più intensamente. Non ha molta rilevanza il fatto che l’autore del libro – con il quale abbiamo preparato la presentazione sul terrazzo della Biblioteca di Gaeta – è il sindaco Raimondi, se non per il fatto appunto che nell’occasione lo abbiamo presentato come scrittore, autore di un lavoro che ci è parso meritevole di tutta la nostra attenzione.

Nel suo libro, per quanto sia di qualche anno fa, abbiamo colto l’attualità senza scadenze di una testimonianza diretta sullo stato del mondo. L’amministrazione  non c’entra, non siamo in grado di offrire ciambelle di salvataggio a chi sta per affondare con la sua barca… ammesso che sia vero. Abbiamo lavorato, in occasione del Festival appena concluso VOCI DEL MEDITERRANEO 2008, in 4 comuni del Golfo: la partecipazione più scarsa all’evento l’abbiamo registrata a Gaeta. Non per questo abbiamo respinto l’invito a organizzare la presentazione del libro di Raimondi… la poesia attira meno dell’attualità umanitaria e la presenza del primo cittadino suscita curiosità… può darsi. Ma sono circostanze diverse e ce ne rendiamo conto.

Tutto questo non significa che i poeti della stanza si sono messi al servizio di un timoniere in difficoltà. Abbiamo letto in quel suo libro una vena di poesia e abbiamo testimoniato insieme a lui la necessità di conoscere il prossimo per aiutarlo a sentirsi uomo.

Nient’altro.

Castelfranci

agosto 23, 2008

Invitati da Mimmo Cipriano a chiudere a Castelfranci il nostro Festival, non potevamo dire “non posso”… tanto meno “non voglio”.  I poeti non si negano… e ci hanno accolti con grande simpatia umana e disponibilità culturale. Le parole dei francesi Georges Drano e Nicole Stamberg, della spagnola Angela Serna hanno avuto la stessa atenzione delle nostre.

Amerigo Iannacone, Irene Vallone, Claudio Carbone, Stelvio Di Spigno e Giuseppe Napolitano hanno letto le loro poesie davanti a un pubblico scelto, nella sala del Consiglio Comunale di Castelfranci (provincia di Avellino), introdotti da Alessandro Di Napoli, attivissimo operatore culturale della sua regione, già ospite della “stanza” a Itri insieme a Cipriano, Calabrese e Barbieri.

La serata è finita a pizza in piazza, in occasione di una festa paesana dai forti colori, e sapori (e suoni orchestrali tradizionali). Ci si è scambiata qualche opinione, parecchie pubblicazioni e soprattutto la voglia di vedersi ancora. La poesia è in questo darsi, conoscersi e riconoscersi, incontrarsi nelle parole di amici della parola… La poesia della “stanza” è comunione consapevole.

Quattro serate diverse di versi

agosto 9, 2008

Ci siamo! salvo pioggia o altri cataclismi… (scongiuri d’obbligo) andrà senz’altro bene anche se Agron non può venire e Lina Senese nemmeno.

E’ possibile che un atleta rumeno diventi cittadino italiano in 48 ore e un poeta albanese non ottenga il visto d’ingresso in Italia in …48 giorni? Possibile, e Agron Tufa non sarà con noi (ma leggeremo lo stesso qualche sua poesia per tenerlo presente in spirito almeno)

Speravamo in un contributo economico che non ci è stato concesso per impicci burocratici… Faremo senza e ci arrangeremo. Gli ospiti saranno comunque nostri ospiti e il programma li soddisferà senz’altro sul piano culturale.

La prima serata a Itri al Castello – spettacolo musicale con i live electronics dei maestri Saveriano e Cerroni, le poetesse della “stanza” Cervone, Di Mare, Fusco, Euphorbia, Nugnes e appunto loro, gli ospiti stranieri che fanno delle nostre serate un piccolo festival VOCI DEL MEDITERRANEO 2008: Georges Drano e Nicole Stamberg da Frontignan (Francia), Angela Serna da Vitoria (Spagna).

La seconda serata a Gaeta vedrà la partecipazione di alcuni poeti locali della “stanza”, come pure a Formia. A Spigno, nella natura della Conca al vecchio mulino restaurato, serata di poesia classica e moderna… si ascolteranno anche Leopardi, Baudelaire, Neruda… Fisarmoniche a Gaeta e Spigno, magia della voce a Formia.

Insomma, quattro serate di versi diverse