Archive for febbraio 2008

Chi è Asoic Naic

febbraio 26, 2008

una ragazza del Sud: questo il titolo del libro (“un libro necessario”) che sarà presentato il 7 marzo a Gaeta (Biblioteca Comunale) da  Sandra Cervone, Ida Di Ianni, Rossella Fusco, Irene Vallone e M. Grazia Zona per celebrare la giornata della donna (al suo centenario!) – ne è autrice una misteriosa Asoic Naic, pseudonimo di una straordinaria esordiente ottantenne che ha deciso di scaricare nel suo racconto la sua vita vera da “personaggio di romanzo” – da leggere!

la stanza del poeta

febbraio 23, 2008

LA STANZA DEL POETA

(15 febbraio 2008) 

Guardano i vecchi statici nel sole

la stanza del poeta che si apre: 

non hanno più bisogno di poesia

perché già della vita hanno le chiavi 

:tutte quelle che aprono i misteri

e l’ultimo nemmeno li spaura 

La stanza del poeta avrà parole e parole

anche quelle che leggono il mistero 

ma l’inerzia dei vecchi in piazza al sole

sarà lezione di paziente attesa  

Nella stanza avrà quiete chi dispone

del suo tempo e saggio un poco lo regala 

e i versi avranno morbido l’andare

o franto il ritmo li farà danzare 

regalarsi è privilegio in comunione

se ciascuno nella stanza è a casa sua

Partenza buona!

febbraio 16, 2008

9.jpg

 

15 febbraio 2008

Ce l’abbiamo fatta – personalmente (con qualche altro, in verità: Rossella e Claudio c’erano già allora) ho aspettato venti anni per costituire una associazione di poeti nel golfo di Gaeta.

Caparbietà, dice Stelvio, premiata, dice Rossella, dall’affetto e dall’amicizia che ci lega.

A parte queste considerazioni private, la serata di presentazione a Itri è stata particolarmente suggestiva. Le presenze erano quelle giuste: una ventina di operatori culturali dei vari campi dell’espressione (scrittura, pittura, fotografia, musica) riuniti ad ascoltarsi e pronti ad incontrarsi ancora per ascoltarsi.

E pronti a portare la propria voce ad altri ancora.

Il prossimo appuntamento in Via S. Angelo 2, a Itri è fissato per il 29 di questo mese di febbraio alle 18: ancora un incontro di parole – e magari un bicchiere di vino (quello, ai poeti, non fa male). 

Continuiamo a crederci.